Matrimonio

Matrimonio

Sabato, 21 Maggio 2016 13:06

Musica per matrimonio: a chi rivolgersi?

Per molte donne e per molti uomini il matrimonio rappresenta un momento topico della propria esistenza: esso, infatti, viene generalmente vissuto come una sorta di rito di passaggio dalla giovinezza alla vita adulta. Proprio per questo motivo questo giorno speciale necessita di essere celebrato con tutti i crismi, avendo cura di ogni minimo dettaglio. La musica per matrimonio rappresenta senz’altro una scelta fondamentare per rendere questo giorno unico e indimenticabile. Di seguito forniamo qualche utile suggerimento per scegliere la musica per matrimonio che meglio si adatta alle vostre esigenze.

Mercoledì, 04 Maggio 2016 00:00

Infedeltà coniugali: tradimenti e cartomanzia

Il dato sulle infedeltà coniugali nel nostro Paese non è affatto confortante: tradisce il proprio partner, infatti, il 55% degli uomini e il 45% delle donne. Insomma si tradisce sempre con maggior frequenza e senza troppe remore. La capitale dei tradimenti è Roma, dove l’avventura extraconiugale è di prassi. Insieme alla città eterna salgono sul podio Milano e Torino. Nel Meridione d’Italia, invece, il numero dei tradimenti è molto inferiore, a conferma del fatto che al sud sono ancora in auge i valori tradizionali della famiglia.

Domenica, 03 Maggio 2015 00:05

Donne, scacciate l'amico bello

Il dilemma cominciò a tormentare i primi Padri della Chiesa, se non già San Paolo: l'obbligo di riconoscere la donna come uguale all'uomo (non c'è giudeo né greco, né schiavo né libero, né maschio né femmina...) si scontrava con quel maledetto passo della Genesi, per cui Giovanni Crisostomo diceva che "la donna insegnò una volta sola, e rovinò tutto", e con quella "maggior commistione dello spirito con la carne" che si riconosceva nella femmina. Fu una storia tragica e grottesca, in cui le tradizioni e le istituzioni sociali soprattutto dei barbari si assommarono a quelle religiose del giudaismo e all'aria di seduzione molle e insidiosa che spirava dall'Oriente. La sociologia ecclesiastica, e dunque la sociologia dominante nell'Europa me-, dievale, si muove tutta suquesta linea per stendere intorno all'uomo, col recinto donne, un'area di autonomia, un cordone sanitario che gli garantisca non solo il suo predominio fisico, ma anche la sua integrità e il monopolio culturale della vita. Strumento e specchio di questa realtà plurisecolare, i trattati morali e, più diretto, più vigoroso, la predicazione. Non occorre scendere a Bernardino da Siena o a Gerolamo Savonarola. Nella precettistica delle più smorte prediche della Scolastica si delinea tutta una comportamentistica femminile inculcata col terrore o con la calma razionalistica, appoggiata sui sacri testi e su una sorta di buon senso.